Come si usa un giradischi per vinile?

Il fascino della musica diventa persino più grande se ascoltata con un ottimo giradischi per vinile. In molti credono che questo strumento sia difficile da usare, ma è invece molto più pratico di quanto si pensi.

Musica in totale qualità

L’uso del giradischi per vinile è da poco tornato in auge fra tutti gli amanti della musica. Se da un lato è vero che la possibilità di ascoltare in digitale non abbia rivali in quanto a semplicità, bisogna tuttavia considerare anche la praticità del caro vecchio giradischi per vinile.

Non è un caso se molte case discografiche stanno infatti riproponendo proprio molti vecchi LP. Il primo elemento che costituisce un giradischi per vinile è il piatto, ovvero la parte rotante su cui poggiare il supporto. Un piatto più pesante si traduce in meno vibrazioni, quindi in un suono più pulito.

Segue poi il tappetino, chiamato in gergo semplicemente mat. Il suo ruolo sta nell’offrire un supporto antiscivolo, che eviti i rumori del motore e che la cinghia in generale non interferisca con la qualità del suono.

Il contrappeso è un peso regolabile sul braccio, che serve a controllare la forza di monitoraggio della cartuccia. Meno famoso ma altrettanto importante è l’antiskating, un dispositivo meccanico applicato direttamente sul braccio che spinge verso il centro del piatto. Esso può ance essere magnetico ed impedisce che la cartuccia slitti verso la superficie del disco.

I più esperti avranno sicuramente già sentito parlare del pitch di controllo, utilizzato per stabilizzare la velocità di rotazione. Ormai è però un elemento obsoleto, non necessario nei giradischi per vinile moderni o realizzati in quarzo.

Il braccio è sicuramente l’elemento che ha reso iconico il giradischi per vicine. Ne esistono di forme diverse e permette alla puntina di raggiungere il vinile.

Imparare a conoscere il tuo nuovo giradischi per vinile potrebbe sembrarti complicato. Basta invece imparare a cosa servono tutti gli elementi per capire come ottimizzare l’ascolto della musica con questo strumento!

Come scegliere un buon tablet – L’Hardware